Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 13 giugno 2018 - Strasburgo Edizione rivista

Emergenze umanitarie nel Mediterraneo e solidarietà all'interno dell'Unione europea (discussione)
MPphoto
 

  Giovanni La Via (PPE). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, io sono stato fiero di un Presidente del Consiglio che ha detto "meglio perdere un voto che una vita nel Mediterraneo", e di questo ovviamente gliene sono grato. Ma, dall'altro lato, oggi non possiamo avere come imputata l'Italia, l'Italia che ha fatto un grande sforzo e ha dato un grande esempio di umanità nel Mediterraneo. Oggi non si può accusare l'Italia per ciò che è stato fatto.

L'Italia è stata lasciata sola e oggi è il Consiglio che ha questa responsabilità. Il Consiglio che alla fine di questo mese potrà, se vuole, trovare una soluzione. Il Consiglio che non può continuare a rinviare la soluzione, mentre il Parlamento ha una posizione definita, probabilmente non la migliore, ma sicuramente un gran passo avanti sul regolamento di Dublino. Oggi il mio appello è al Consiglio: fatevi un esame di coscienza, guardate quello che sta succedendo in Europa e nel Mediterraneo, non lasciate l'Italia sola, perché non è l'Italia l'unico responsabile di quello che sta accadendo. Le vostre mani sono sporche di sangue.

 
Ultimo aggiornamento: 20 settembre 2018Avviso legale