Index 
 Înapoi 
 Înainte 
 Text integral 
Dezbateri
Luni, 10 septembrie 2018 - Strasbourg Ediţie revizuită

3. Declarația Președinției
Înregistrare video a intervenţiilor
PV
MPphoto
 

  Presidente. – Signori parlamentari, come prima cosa voglio rivolgere un pensiero alle vittime delle catastrofi che hanno colpito i paesi europei nel corso degli ultimi due mesi.

Voglio citare innanzitutto i violenti incendi che hanno colpito la Grecia a luglio, causando più di novanta vittime e oltre duecento feriti. Il fuoco ha inoltre distrutto oltre mille abitazioni e causato danni ambientali ed economici enormi.

Anche la Svezia, nello stesso periodo, è stata vittima di un numero senza precedenti di incendi devastanti, dovuti tra l'altro alle alte temperature registrate. Un'ennesima prova della portata del cambiamento climatico e dei danni provocati dal riscaldamento del pianeta.

Voglio sottolineare però che, grazie al meccanismo di protezione civile europea, è stato possibile sostenere gli sforzi delle autorità nazionali con vigili del fuoco, aerei ed elicotteri messi a disposizione da numerosi paesi dell'Unione. È un esempio di solidarietà concreta che illustra bene il valore aggiunto dell'Unione europea.

Anche l'Italia, il mio paese, ha conosciuto un mese di agosto drammatico, con il crollo del ponte Morandi a Genova, il 14 agosto, crollo che ha provocato 43 morti e privato centinaia di famiglie delle loro abitazioni.

Mi auguro che, da una parte, vengano accettate le responsabilità amministrative e politiche di questo grave disastro e, dall'altra, si possa procedere rapidamente alla ricostruzione di questa struttura, che è un punto di passaggio fondamentale per la città di Genova, il suo porto, l'Italia e l'Europa intera. Genova è infatti uno snodo delle reti europee TEN-T. Per questo l'Unione europea mette a disposizione risorse destinate alle infrastrutture di importanza europea che, unite ai fondi regionali dell'Unione e al Fondo europeo per gli investimenti, potranno essere utilizzate per migliorare le infrastrutture della città.

Purtroppo, pochi giorni dopo la tragedia di Genova, sempre in Italia, una piena del torrente Raganello ha travolto e ucciso dieci persone nella provincia calabrese di Cosenza. Questa piena improvvisa ha fatto anche numerosi feriti. Mi auguro che le risorse che l'Unione europea mette a disposizione delle regioni possano essere utilizzate per la messa in sicurezza di siti turistici esposti a rischi naturali.

Voglio esprimere le condoglianze del Parlamento europeo e la nostra vicinanza alle famiglie di tutte le vittime degli eventi che si sono succeduti in Europa in questi mesi. Vi chiedo pertanto di osservare un minuto di silenzio e di raccoglimento per ricordare le vittime innocenti.

(Il Parlamento, in piedi, osserva un minuto di silenzio)

 
Ultima actualizare: 9 noiembrie 2018Notă juridică