Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Lunedì 22 ottobre 2018 - Strasburgo Edizione rivista

Qualità delle acque destinate al consumo umano (discussione)
MPphoto
 

  Giovanni La Via (PPE). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, signor commissario Vella, un primo ringraziamento va alla collega Dantin per il prezioso lavoro svolto dando seguito all'Iniziativa dei cittadini europei Right2Water con cui si è chiesto alla Commissione di garantire che un bene essenziale come l'acqua potesse sgorgare dai rubinetti e potesse essere di una qualità adeguata per tutti i consumatori e i cittadini europei.

Vogliamo rafforzare la fiducia dei consumatori e incoraggiare l'uso dell'acqua che esce dai nostri rubinetti, ma nel fissare i parametri che aumentino la qualità dell'acqua dobbiamo stare attenti a non esagerare e a non rendere il consumo della stessa impossibile in alcune aree europee.

Questa è una cosa che rischia di accadere nel territorio della mia regione, sotto il vulcano Etna, dove i terreni vulcanici sono ricchi di boro e il parametro del boro previsto dalla proposta della Commissione di un milligrammo per litro è un parametro molto basso. La stessa EFSA raccomanda un parametro più alto nei confronti delle categorie più suscettibili dei consumatori; l'Organizzazione mondiale della sanità ha un parametro di 2,4 volte più alto.

Per questo abbiamo presentato un emendamento che possa consentire l'utilizzo dell'acqua anche nelle nostre regioni e per questo vi invito a votare l'emendamento 180.

Concordo con l'idea di rendere più severi i controlli, di garantire i consumatori, ma non dobbiamo andare al di là di quello che anche il principio di precauzione ci richiede.

 
Ultimo aggiornamento: 12 dicembre 2018Avviso legale