Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Lunedì 22 ottobre 2018 - Strasburgo Edizione rivista

Riduzione dell'incidenza di determinati prodotti di plastica sull'ambiente (discussione)
MPphoto
 

  Massimo Paolucci, a nome del gruppo S&D. – Signor Presidente, onorevoli colleghi, l'Europa deve muoversi anche sulla plastica con grande ambizione. Il nostro coraggio e la nostra determinazione sono stati fondamentali per raggiungere l'accordo di Parigi e possono esserlo anche per la plastica monouso.

Nei giorni scorsi il Giappone, che a luglio al G7 non aveva firmato la Carta per la plastica negli oceani, ha annunciato prime e coraggiose misure per la riduzione del consumo. Ecco perché abbiamo fatto bene in commissione ENVI a rendere più ambiziosa la direttiva, lo abbiamo fatto in modo sostenibile e ragionevole.

Con il voto in Aula a Strasburgo possiamo fare cinque importanti passi in avanti: adottare misure utili per i nostri oceani; fare un importante passo in avanti per arginare un'insostenibile cultura dello scarto e dell'usa e getta; sostenere l'innovazione e la ricerca scientifica per creare nuova occupazione, sviluppando produzioni ecosostenibili; rafforzare la responsabilità estesa del produttore secondo il principio di "chi inquina paga"; dare più informazioni ai nostri cittadini; fare più riciclo.

 
Ultimo aggiornamento: 12 dicembre 2018Avviso legale