Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 29 novembre 2018 - Bruxelles Edizione rivista

Preparazione della Conferenza intergovernativa di Marrakech del 10 e 11 dicembre sul patto globale delle Nazioni Unite sulla migrazione (discussione)
MPphoto
 

  Raffaele Fitto (ECR). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, la vicepresidente Mogherini ha poc'anzi detto che il Global compact non ha alcun impatto giuridicamente vincolante per i paesi. Allora, io mi chiedo se il 10 e 11 dicembre a Marrakech ci sarà un grande convegno dove discutere di questo.

La verità è che sull'immigrazione – grande fallimento delle politiche europee di questi anni – si sta giocando una partita culturale e politica con il Global compact ed è assolutamente giusto che non si firmi e non si partecipi a una iniziativa nella quale l'incertezza è assoluta e soprattutto si sta tentando esclusivamente di mettere in campo un'azione politica mirata per poter continuare su una strada sbagliata.

Ho ascoltato diversi colleghi che hanno parlato del ritiro dell'Italia: l'Italia discute da qualche giorno di Global compact grazie all'azione di Giorgia Meloni di Fratelli d'Italia, che si è inserita all'interno di un governo nel quale la situazione è poco chiara: Salvini ha detto di non andare e di non partecipare a Marrakech; il Presidente del Consiglio Conte ha detto il contrario. Staremo a vedere cosa accadrà. Noi lavoreremo con decisione, perché l'Italia non partecipi.

 
Ultimo aggiornamento: 23 maggio 2019Avviso legale