Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Lunedì 10 dicembre 2018 - Strasburgo Edizione rivista

Trasparenza e sostenibilità dell'analisi del rischio dell'Unione nella filiera alimentare (discussione)
MPphoto
 

  Giovanni La Via (PPE). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, signor commissario, in primo luogo permettetemi di ringraziare la collega Sommer per l'ottimo lavoro svolto.

Sono convinto della necessità di intervenire per garantire una maggiore trasparenza lungo il processo di valutazione da parte dell'EFSA e soprattutto per migliorare la fiducia dei cittadini nella credibilità degli studi scientifici, contestata più volte e, nello specifico, in occasione della vicenda relativa all'autorizzazione del gifosato.

Vorrei sottolineare l'importanza della gestione del rischio nell'utilizzazione delle sostanze e la necessità, quindi, di disporre di un'alta qualità scientifica, nonché di controlli e audit in relazione agli studi utilizzati.

L'EFSA svolge un ruolo molto delicato con grande professionalità e competenza ma, in alcuni casi, sono state utilizzate delle metodologie che devono essere migliorate, come ho avuto modo di sottolineare più volte. Faccio riferimento al caso degli antrachinoni dove, per dimostrare la relativa pericolosità, sono stati fatti delle analisi e degli studi su sostanze simili e non sulle sostanze che si vorrebbero bandire.

Abbiamo inoltre provveduto a modificare la struttura del consiglio di amministrazione, con due rappresentanti del Parlamento anziché uno e ampliando l'elenco dei rappresentanti dell'industria e della società civile, includendo esperti in materia di salute pubblica, dell'industria agrochimica e dell'industria alimentare.

Importante infine è sottolineare il punto critico della proposta, che fa riferimento alla notizia temporale e alla pubblicazione delle informazioni e degli studi di base delle domande indirizzate all'EFSA. Su questo concordo pienamente con quanto espresso dalla relatrice, per non svendere la nostra industria.

 
Ultimo aggiornamento: 5 aprile 2019Avviso legale