Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 13 dicembre 2018 - Strasburgo Edizione rivista

Situazione dei migranti alla frontiera UE in Bosnia-Erzegovina (discussione)
MPphoto
 

  Elly Schlein (S&D). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, mi fa piacere che finalmente la Commissione sia qui a parlare della situazione al confine tra la Bosnia e la Croazia.

Tre mesi fa, insieme a 20 colleghi, abbiamo chiesto alla Commissione se stesse monitorando la situazione disperata di migliaia di persone a Bihać, a Velika Kladuša, abbandonate a se stesse in condizioni inaccettabili.

Due giorni fa le dichiarazioni di Human Rights Watch hanno confermato quanto riportato nei mesi scorsi da molte testate internazionali e dalle associazioni che lavorano sul campo. La Commissione è informata delle violenze sistematiche da parte delle autorità croate, contro le quali ci sono state numerose accuse, e se sì, che cosa intende fare per monitorare la situazione, per indagare su queste accuse e per dare una risposta che sia rispettosa dei diritti fondamentali delle persone?

Chiediamo anche risposte riguardo ai respingimenti brutali: ricordiamo che queste persone hanno diritto di chiedere asilo in Europa, in Croazia, nel momento in cui si trovano nel territorio croato.

Chiediamo anche un monitoraggio indipendente di quello che sta succedendo, perché è incredibile che la vostra incapacità di accogliere in solidarietà interna la stiate facendo pagare ad altri paesi e sulla pelle di queste persone!

Grazie ai volontari che sopperiscono alle vostre mancanze.

 
Ultimo aggiornamento: 5 aprile 2019Avviso legale