Index 
 Previous 
 Next 
 Full text 
Procedure : 2018/0224(COD)
Document stages in plenary
Document selected : A8-0401/2018

Texts tabled :

A8-0401/2018

Debates :

CRE 11/12/2018 - 23
PV 16/04/2019 - 20
CRE 16/04/2019 - 20

Votes :

PV 12/12/2018 - 12.11
CRE 12/12/2018 - 12.11
Explanations of votes
PV 17/04/2019 - 8.3
Explanations of votes

Texts adopted :

P8_TA(2018)0509
P8_TA(2019)0395

Debates
Thursday, 13 December 2018 - Strasbourg Revised edition

10.5. Establishing Horizon Europe – laying down its rules for participation and dissemination (A8-0401/2018 - Dan Nica)
Video of the speeches
 

Mündliche Erklärungen zur Abstimmung

 
  
MPphoto
 

  Rosa D'Amato, a nome del gruppo EFDD. – Signor Presidente, onorevoli colleghi, molto spesso i settori della ricerca e dell'innovazione sono quelli su cui si abbatte la scure di politiche miopi.

Noi invece li consideriamo di primaria importanza per il futuro dei cittadini, per il fiorire dei centri del sapere e per la solidità delle nostre imprese, affinché siano capaci di affrontare le sfide più rilevanti. Per questo abbiamo indicato come necessari ben 120 miliardi per il programma Horizon Europe, che va proprio a sostegno della ricerca e dell'innovazione.

Mi preme sottolineare che, oltre alla necessità di un maggiore raccordo con tutti i soggetti interessati, abbiamo voluto con forza che fosse mantenuto uno strumento destinato alla ricerca incrementale per le piccole e medie imprese con un budget specifico, ovviamente a fianco ad altre opportunità per la ricerca dirompente.

Dal punto di vista dell'inquinamento e delle risorse, abbiamo lottato per ottenere un vincolo di utilizzo dell'intero budget per il contrasto al cambiamento climatico, per incrementare l'efficienza energetica e per agevolare iniziative locali di autoproduzione e consumo.

Il testo poteva essere ulteriormente migliorato ma non dobbiamo dimenticare che è frutto di un confronto serrato anche con chi, talvolta, ha puntato più a soddisfare gli appetiti delle grandi lobby che a rispondere ai bisogni oggettivi della società. Abbiamo però ottenuto una posizione di compromesso che risponde sia alle esigenze dei portatori d'interesse che alle necessità delle persone.

Infine, anche se dovremo sicuramente vigilare in futuro perché il cosiddetto principio di innovazione non si ritorca contro le nostre micro, piccole e medie imprese e i cittadini, il nostro voto è favorevole. È favorevole perché non bisogna dimenticare che il cambiamento passa anche attraverso il sostegno a settori tanto importanti, quali sono la ricerca e l'innovazione.

 
  
MPphoto
 

  Andrejs Mamikins (S&D). – Mr President, scientific research helped us to satisfy citizens’ priorities, both productivity and competitiveness. For centuries, ‘made in Europe’ has been a symbol of quality and knowhow. I even dare to say that the excellence in science, technology and the arts became a component of the EU’s normative power.

I support the proposal for a regulation on Horizon Europe and the report drafted by colleague, Dan Nica. This proposal serves the consolidation of the European Research Area and is going to deliver new jobs in science and research.

As a socialist and democrat, I defend the principle of open science and I believe that the diffusion of innovation makes the EU a unique scientific hub. However, we need to guarantee that our scientists choose to stay in Europe, because countries such as the United States, Canada and Australia appear attractive to researchers from Europe due to their larger innovation intensity and better social conditions. That is why we have to defend our social conditions in Europe.

 
Last updated: 5 April 2019Legal notice