Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 15 gennaio 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Relazione annuale 2017 della BCE (discussione)
MPphoto
 

  Marco Zanni, a nome del gruppo ENF. – Signor Presidente, onorevoli colleghi, Presidente Draghi, Lei oggi ha celebrato i vent'anni dalla nascita della moneta unica, e credo che sia un buon momento per tirare un bilancio concreto, guardando ai numeri e all'evoluzione delle economie e della condizione di vita dei cittadini dell'Eurozona, perché tutto questo voler festeggiare, guardando ai dati, io non lo vedo.

Tutte le promesse che erano state fatte ai cittadini europei riguardo alla nascita dell'euro sono state disattese. In questi vent'anni l'euro ha portato divergenze reddituali e di performance tra i paesi, ha portato bassa crescita. Oggi l'Eurozona è il continente o l'agglomerato che cresce di meno rispetto ai concorrenti, e la disoccupazione rimane alta: oggi è il doppio di quella degli Stati Uniti.

E anche il Suo mandato come Presidente della Banca centrale l'ha vista non raggiungere nemmeno gli obbiettivi statutari che la BCE ha: l'inflazione corre, soprattutto rimane al palo e lontana dalla sostenibilità autonoma verso il 2 %, e la BCE ha stampato un sacco di soldi che non sono arrivati all'economia reale. Per ogni cento euro stampati dalla Banca centrale europea, solo circa 29 sono arrivati a famiglie e imprese.

Ecco, credo che guardando a questo quadro ci sia ben poco da festeggiare, e sia un momento di riflessione importante per quelli che sono stati i fallimenti dell'euro e del suo mandato come Presidente di questa Banca centrale.

 
Ultimo aggiornamento: 15 maggio 2019Avviso legale