Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 15 gennaio 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Unione bancaria - relazione annuale 2018 (discussione)
MPphoto
 

  Marco Valli (EFDD). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, mi spiace che il collega Langen se ne sia andato, ma ha detto che il mio gruppo vuole aiutare le banche italiane, penso che anche lui voglia aiutare le banche tedesche, e volevo chiedergli cosa ne pensava magari della banca Nordbank, ad esempio, che è molto esposta su crediti deteriorati nel settore navale, e se non è giusto magari tenere in considerazione un atteggiamento con un po' di sensibilità quando si ha a che fare con grandi stock di crediti deteriorati.

E mi spiace che molto spesso la BCE, che magari attraverso il suo meccanismo di vigilanza prende dei suggerimenti da alcune banche private, come è venuto fuori recentemente anche sulla stampa in Germania, da BlackRock nel corso delle sue valutazioni e negli stress test, ecco, potrebbe, secondo me, avere più sensibilità per quanto riguarda un tema di questo tipo.

In Germania, Francia e quant'altro le banche hanno ricevuto centinaia di miliardi pubblici per salvare i loro sistemi bancari. L'Italia sta facendo grandi sforzi: ha ridotto moltissimo i crediti deteriorati nell'ultimo anno e credo sia opportuno avere un po' di sensibilità e di rispetto per chi in questo momento sta facendo delle cose per evitare, appunto, che si creino problemi molto più grandi per tutta l'Europa.

 
Ultimo aggiornamento: 15 maggio 2019Avviso legale