Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 16 gennaio 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Discussione sul futuro dell'Europa con il Presidente del governo spagnolo, Pedro Sánchez Pérez-Castejón (discussione)
MPphoto
 

  Lara Comi (PPE). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, buongiorno Presidente, benvenuto al Parlamento europeo.

Lei ha parlato molto di donne, dei diritti delle donne e della violenza contro le donne. Io mi auguro però che la prossima volta si possa presentare anche con uno staff un po' femminile, visto che oggi sono solo presenti uomini, perché dalle parole passare ai fatti penso che sia anche un plus maggiore, quindi questo è un auspicio.

Dato che l'Italia e la Spagna hanno sempre avuto un buon rapporto, anche partendo dall'immigrazione, penso che Lei possa essere il portavoce, a livello dei paesi del Mediterraneo, per la riforma di Dublino, perché quando si dice che l'Europa ci ha lasciato soli, e lo dico da italiana, c'è un nome e un cognome che si chiama Consiglio europeo, c'è un nome e un cognome che si chiama Stati membri. Il Parlamento europeo ha votato a favore della riforma di Dublino, a favore dei rimpatri obbligatori, però abbiamo bisogno che Lei e gli altri primi ministri si mettano d'accordo.

Sul tema della violenza nei confronti delle donne, noi come PPE siamo a favore che ci sia un bilancio e anche un legame che può essere quello della famiglia e del lavoro e pensiamo che la donna viene nobilitata ancora di più con il lavoro e non rimanendo a casa o a fare semplicemente la casalinga per obbligo e non per scelta.

 
Ultimo aggiornamento: 28 maggio 2019Avviso legale