Indiċi 
 Preċedenti 
 Li jmiss 
 Test sħiħ 
Proċedura : 2018/2096(INI)
Ċiklu ta' ħajja waqt sessjoni
Ċiklu relatat mad-dokument : A8-0420/2018

Testi mressqa :

A8-0420/2018

Dibattiti :

PV 17/01/2019 - 7
CRE 17/01/2019 - 7

Votazzjonijiet :

PV 17/01/2019 - 10.15
CRE 17/01/2019 - 10.15
Spjegazzjoni tal-votazzjoni

Testi adottati :

P8_TA(2019)0045

Dibattiti
Il-Ħamis, 17 ta' Jannar 2019 - Strasburgu Edizzjoni riveduta

11.12. Inkjesta strateġika OI/2/2017 tal-Ombudsman dwar it-trasparenza tad-diskussjonijiet leġiżlattivi fil-korpi preparatorji tal-Kunsill tal-UE (A8-0420/2018 - Jo Leinen, Yana Toom)
Vidjow tat-taħditiet
 

Oral explanations of vote

 
  
MPphoto
 

  Eleonora Evi (EFDD). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, la chiave per dare nuovo senso a questa Europa è scritta nella relazione che abbiamo votato oggi: si chiama trasparenza.

Il Consiglio non può più permettersi di lavorare a porte chiuse e di secretare i documenti e vietarne l'accesso ai cittadini. La Corte di giustizia dell'Unione europea ha ribadito, nella sentenza De Capitani del 2018, che i principi di pubblicità e trasparenza devono essere assicurati in tutte le fasi delle procedure legislative dell'Unione, in quanto ad essi inerenti.

Se c'è una speranza concreta per questa Europa di diventare la casa comune di tutti i cittadini europei, che abbia tra le sue fondamenta la tutela dei diritti e l'interesse collettivo, la giustizia sociale e la lotta alle diseguaglianze, lo sviluppo di una società resiliente e che sia in armonia con il pianeta, questa speranza è quella di rendere finalmente questa Europa un palazzo di vetro, limpido e trasparente.

 
Aġġornata l-aħħar: 7 ta' Ġunju 2019Avviż legali