Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 31 gennaio 2019 - Bruxelles Edizione rivista

Donne alla guida di imprese - Equilibrio di genere fra gli amministratori senza incarichi esecutivi delle società (discussione)
MPphoto
 

  Pina Picierno (S&D). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, constatiamo dal dibattito che si è svolto stamattina in quest'Aula che c'è un'ampia convergenza di questo Parlamento su questa direttiva che, badate, non è nulla di straordinario: è un piccolo passettino che però va nella giusta direzione, perché qui non si sta imponendo la presenza delle donne nei consigli di amministrazione; si sta semplicemente prendendo atto che non si può rappresentare soltanto il 50 % dell'universo maschile all'interno dei consigli di amministrazione, ma si chiede una rappresentanza reale anche della rappresentanza femminile.

E allora dov'è il problema? Il problema è, come al solito, all'interno del Consiglio. Lo dico con molto rammarico e con molta preoccupazione perché, da un lato, c'è un atteggiamento del Parlamento che vorrebbe consentire a queste istituzioni e all'Unione europea di fare dei passi avanti. Dall'altro lato, c'è l'atteggiamento del Consiglio che troppo spesso, Presidente, blocca azioni che vanno nella giusta direzione.

Allora, se è vero che l'uguaglianza è un principio fondamentale dell'Unione europea, bisogna agire!

 
Ultimo aggiornamento: 4 aprile 2019Avviso legale