Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 12 febbraio 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Discussione con il Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana Giuseppe Conte sul futuro dell'Europa (discussione)
MPphoto
 

  Salvatore Cicu (PPE). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, credo che sia importante ricordarci che il nostro paese vive una fase di recessione e, purtroppo, non ho sentito, Presidente, parlare di politica industriale o di politica commerciale, né l'ho sentita parlare delle nostre imprese. Gli accordi commerciali che in Europa si stanno realizzando significano made-in, significano import-export, significano crescita di un paese.

Io credo che oggi l'Italia abbia bisogno, non so se lei condivida, che la tassazione si riduca, che le nostre imprese possano ridurre il costo del lavoro, che possano beneficiare di sgravi fiscali e che si abbandonino politiche di sussidi, che non servono a nulla se non a intuire, in qualche modo, come combattere la povertà e la disuguaglianza.

Credo quindi che sia importante, Presidente, che lei sottolinea questo aspetto e ci dia una risposta.

 
Ultimo aggiornamento: 28 giugno 2019Avviso legale