Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 13 febbraio 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Disposizioni comuni applicabili al Fondo europeo di sviluppo regionale, al Fondo sociale europeo Plus, al Fondo di coesione, al Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca e le regole finanziarie applicabili a tali fondi e al Fondo Asilo e migrazione, al Fondo per la Sicurezza interna e allo Strumento per la gestione delle frontiere e i visti (discussione)
MPphoto
 

  Mercedes Bresso, a nome del gruppo S&D. – Signora Presidente, onorevoli colleghi, intanto grazie ai relatori per l'eccellente lavoro che hanno fatto e alla Commissaria per la proposta iniziale.

Innanzitutto, come peraltro ha già ricordato anche il collega van Nistelrooij, io credo che noi dovremmo gestire i fondi in modo che nessuno sia lasciato indietro – né le persone, e questo vuol dire mirare alle politiche urbane, alle aree periferiche, alle aree in maggiore difficoltà – e neppure però i territori, e quindi occorre costruire veramente quell'agenda per le zone montane, rurali e ultraperiferiche di cui abbiamo più volte chiesto la realizzazione e la redazione alla nostra Commissaria.

Terzo punto su cui volevo far riflettere: non sono invece d'accordo sul fatto che, sia pure con delle modifiche, resti la condizionalità macroeconomica. Dobbiamo sapere che questo serve solo a fare odiare dai cittadini e dai paesi l'Unione europea. Usiamo piuttosto politiche di incentivazione a fare bene, non politiche punitive.

 
Ultimo aggiornamento: 24 maggio 2019Avviso legale