Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 13 febbraio 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Istituzione di un quadro per il controllo degli investimenti esteri diretti nell'Unione europea (discussione)
MPphoto
 

  Innocenzo Leontini (ECR). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, io mi associo agli apprezzamenti per il lavoro svolto dall'onorevole Proust. Supporto pienamente questa iniziativa della Commissione europea volta ad istituire una normativa per il monitoraggio degli investimenti esteri diretti nell'Unione europea. L'obiettivo è quello di colmare una lacuna e creare le condizioni giuridiche per permettere ai paesi dell'Unione europea di dotarsi di condizioni per l'ingresso degli investimenti esteri diretti, soprattutto sulla base di considerazioni legate alla sicurezza nazionale o all'ordine pubblico.

Questa azione di monitoraggio, in linea con quanto già accade oggi in Stati quali gli USA, il Canada o la Cina, riguarderà in particolare alcuni settori strategici quali quelli legati alle infrastrutture o alle principali tecnologie avanzate. Inoltre le disposizioni normative possono riguardare anche investimenti da parte di società a proprietà statale o in stretto rapporto con governi stranieri.

Sono convinto che dobbiamo proteggere l'indipendenza dell'Europa, promuovendo il suo primato nei settori chiave per lo sviluppo industriale e tecnologico. Per questo serve approvare testi come questo.

 
Ultimo aggiornamento: 24 maggio 2019Avviso legale