Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Lunedì 11 marzo 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Programma "corpo europeo di solidarietà" (discussione)
MPphoto
 

  Nicola Caputo (S&D). – Signora presidente, onorevoli colleghi, il testo licenziato dalla commissione Cultura definisce la solidarietà come il senso di responsabilità da parte di tutti, nei confronti di tutti, a impegnarsi per il bene comune, che si esprime attraverso azioni concrete senza aspettarsi nulla in cambio.

Con il corpo europeo di solidarietà, l'Unione europea realizza il duplice obiettivo di promuovere la solidarietà come valore, principalmente attraverso il volontariato, e di incrementare la partecipazione di giovani quale mezzo per contribuire a rafforzare la coesione sociale, la solidarietà, la democrazia, l'identità europea e la cittadinanza attiva nell'Unione e all'estero.

Ampiamente condivisibili gli obiettivi introdotti dal Parlamento europeo dell'inclusione sociale attraverso una chiara definizione dei giovani con minori opportunità, che include anche la disabilità, e quella di una componente solida e significativa di apprendimento e formazione nel corso del volontariato, utile per lo svolgimento di una successiva attività professionale.

È un bel segnale. Migliaia di giovani dai 18 ai 30 anni avranno dunque la possibilità di impegnarsi in progetti di solidarietà attraverso attività di volontariato, stage e lavoro.

 
Ultimo aggiornamento: 8 luglio 2019Avviso legale