Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Lunedì 11 marzo 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Pratiche commerciali sleali nei rapporti tra imprese nella filiera alimentare (discussione)
MPphoto
 

  Michela Giuffrida (S&D). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, la politica agricola è un pilastro dell'Unione europea e fornisce massiccio sostegno finanziario ad agricoltori e produttori, ma sempre più spesso, purtroppo, assieme alle politiche commerciali, finisce sotto accusa, perché i nostri agricoltori sono schiacciati da costo-lavoro disparitario, da carenze strutturali e dallo strapotere della grande distribuzione, che impone pratiche commerciali sleali. Così a soccombere sono gli anelli più deboli della filiera, che reagiscono spesso scagliandosi proprio contro l'Europa, contro di noi che siamo i loro rappresentanti.

Con questa direttiva dimostriamo con i fatti, finalmente, da che parte stiamo: dalla parte degli agricoltori, dei produttori, dei consumatori europei, a sostegno del sud e di regioni – come ad esempio la mia, la Sicilia – dove l'economia è principalmente agricola e l'agroalimentare conta centinaia di eccellenze che vanno sostenute e tutelate.

Da domani sarà possibile farlo, grazie all'efficace lavoro svolto dal nostro vicepresidente De Castro, dalla Commissione e da quanti come me, da sempre, si battono in difesa degli agricoltori e dei piccoli produttori, simbolo del nostro agroalimentare.

 
Ultimo aggiornamento: 8 luglio 2019Avviso legale