Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Lunedì 25 marzo 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Situazione dello Stato di diritto e la lotta contro la corruzione nell'Unione, in particolare a Malta e in Slovacchia (discussione)
MPphoto
 

  Barbara Spinelli, a nome del gruppo GUE/NGL. – Signor Presidente, onorevoli colleghi, questa legislatura ha evidenziato che lo Stato di diritto e i diritti umani nell'Unione sono pericolanti, che esistono giornalisti che rischiano la morte. La risoluzione che discutiamo è uno dei tanti contributi del Parlamento in materia.

Il monitoraggio, tuttavia, presuppone che il nostro ruolo sia neutrale, mai elettoralistico, attento a evitare doppi standard e atteggiamenti punitivi, e che l'obiettivo sia quello di rafforzare gli anticorpi nazionali, senza pretendere di sostituirci totalmente a essi, presupposti che non ritengo del tutto soddisfatti nella risoluzione.

Non chiedo di abdicare al nostro ruolo, ma di renderlo incensurabile. Il rischio, altrimenti, è che le istituzioni europee vengano sempre più considerate un potere orwelliano e che lo Stato di diritto sia percepito come imposizione esterna da osteggiare.

 
Ultimo aggiornamento: 5 luglio 2019Avviso legale