Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Lunedì 25 marzo 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Soppressione dei cambi stagionali dell'ora (discussione)
MPphoto
 

  Daniela Aiuto, a nome del gruppo EFDD. – Signor Presidente, onorevoli colleghi, signora Commissaria, purtroppo le motivazioni che mi portano a dissentire da questa proposta sono molteplici. Innanzitutto, manca un'adeguata e necessaria valutazione d'impatto da parte della Commissione europea, indicante gli effetti negativi che il cambiamento del regime orario avrebbe sulla vita delle persone, sulla loro produttività e sull'ambiente.

Inoltre, tale direttiva indurrebbe degli effetti attualmente non stimati e non chiari su molteplici settori trasversali come quello agricolo, quello commerciale, in cui si potrebbero avere distorsioni della concorrenza, e quello energetico, che potrebbe vedere un aumento esponenziale dei consumi annui. Infatti, l'adozione dell'ora legale nei mesi estivi comporta un risparmio notevole in termini di elettricità utilizzata ogni anno all'interno dell'Unione e l'adozione di questo progetto di legge potrebbe risultare estremamente deleteria in tal senso.

Altro elemento non accettabile è la discrezionalità lasciata agli Stati membri nel decidere il regime orario che ritengono più adatto, in quanto un quadro armonizzato a livello europeo è opportuno sia internamente che nelle relazioni con i paesi terzi.

Per concludere vorrei sottolineare che non vi è nessun supporto scientifico fondato e certo per dire che il cambio d'ora impatti negativamente sulla salute delle persone e sulla sicurezza e che le consultazioni dei cittadini sono state condotte in modo non idoneo e senza un reale dibattito nei diversi Stati.

 
Ultimo aggiornamento: 5 luglio 2019Avviso legale