Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 26 marzo 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Fondo europeo di sviluppo regionale e Fondo di coesione (discussione)
MPphoto
 

  Raffaele Fitto, a nome del gruppo ECR. – Signor Presidente, onorevoli colleghi, anch'io voglio esprimere un ringraziamento nei confronti del relatore e nei confronti di tutti i colleghi che hanno lavorato molto positivamente in commissione su un testo fondamentale. Vorrei fare solo alcune considerazioni rapide.

La prima, condividere il giudizio negativo che è stato espresso in premessa da parte un po'di tutti i colleghi sul tema dei tagli che, certamente, non danno quella prospettiva alla quale noi abbiamo immaginato di poter lavorare, anche nel passato. Ma fare anche delle rapidissime considerazioni su tre questioni di fondo.

La prima, quella collegata al tema della rapidità di azione: l'obiettivo dell'approvazione è quello di riuscire a impegnare risorse a partire dal 2021.

La seconda considerazione è che questo regolamento deve superare i ritardi che hanno caratterizzato il passato dal punto di vista dell'impegno e della spesa e, soprattutto, evitare che questi ritardi possano incidere e avere conseguenze sulla situazione della capacità amministrativa delle diverse regioni.

Il terzo e ultimo punto è quello collegato alla flessibilità per poter utilizzare al meglio queste risorse a livello nazionale, rispetto ai temi dello scorporo delle risorse.

 
Ultimo aggiornamento: 26 giugno 2019Avviso legale