Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 26 marzo 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Fondo europeo di sviluppo regionale e Fondo di coesione (discussione)
MPphoto
 

  Michela Giuffrida (S&D). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, Fondo europeo di sviluppo regionale e Fondo di coesione sono i principali strumenti di investimento per occupazione, infrastrutture e crescita economica a sostegno delle regioni.

In questi anni abbiamo lavorato proprio nell'interesse di questi territori – faccio l'esempio della mia Sicilia – che, senza i Fondi strutturali, non avrebbe futuro e per combattere quegli ostacoli che ancora ne bloccano la fruizione, puntando alla semplificazione delle procedure e alla riduzione della burocrazia, ma anche per livelli di cofinanziamento che favoriscano il decollo dei progetti e perché la minaccia della condizionalità macroeconomica non mortifichi la dimensione territoriale.

Abbiamo il dovere di mettere Stati e regioni nelle condizioni di usare le risorse europee e per farlo dobbiamo calarci nella realtà territoriale che, l'esperienza lo dimostra, è ormai lontana da parametri che non tengono conto delle reali disuguaglianze e specificità territoriali come quelle insulari.

Una riforma del meccanismo di assistenza tecnica per il rafforzamento delle capacità delle amministrazioni pubbliche e dei servizi dei cittadini è ormai indispensabile. Solo così riconcilieremo i cittadini europei con l'Unione.

 
Ultimo aggiornamento: 26 giugno 2019Avviso legale