Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 26 marzo 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Discarico 2017 (discussione)
MPphoto
 

  Marco Valli, relatore. – Signor Presidente, onorevoli colleghi, ringrazio i colleghi per il dibattito costruttivo che abbiamo avuto.

La commissione per il controllo dei bilanci ogni anno dà importanti suggerimenti su come gestire meglio il bilancio dell'Unione europea. Persistono comunque numerosi sprechi di carattere generale, a partire da questo Parlamento, dalla doppia sede, dai tanti privilegi dei deputati e anche dei Commissari, che potremmo andare a gestire meglio, come le numerose spese amministrative tanto contestate, sulle quali si potrebbe agire con più fermezza.

Mi sia concessa anche una precisazione di carattere politico: per il prossimo quadro finanziario pluriennale, visto che c'è un rallentamento dell'economia, sia globale ma soprattutto europeo e dell'Eurozona, anche in paesi come la Germania, la Francia e l'Italia, cioè dei paesi trainanti in termini di produzione industriale interna, sarebbe interessante pensare a una revisione delle clausole sul Patto di stabilità e crescita, per consentire che gli investimenti, dotati di valore aggiunto e legati ai fondi europei, vengano scorporati dal calcolo del deficit, a partire dai Fondi strutturali e da tutti i fondi di investimento.

 
Ultimo aggiornamento: 26 giugno 2019Avviso legale