Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 26 marzo 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Livelli di prestazione in materia di emissioni delle autovetture nuove e dei veicoli commerciali leggeri nuovi (discussione)
MPphoto
 

  Damiano Zoffoli (S&D). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, l'Europa è movimento. L'Europa è in movimento verso il nuovo modello di sviluppo, un'economia a basse e zero emissioni di carbonio, un'alleanza virtuosa fra crescita e ambiente, produzione e industria, con meno spreco di energia e inquinamento.

In Europa nel 2050 si prevede un aumento del 40% della circolazione delle persone e del 60% delle merci. I trasporti contribuiscono ad oggi al 25% delle emissioni e oltre il 70% è rappresentato dal trasporto su strada. Oggi il settore dei trasporti rappresenta il 5% del PIL europeo, una ricchezza che spendiamo in larga parte in medicine e ricoveri dovuti all'inquinamento delle nostre città e per riparare i danni causati dai cambiamenti climatici.

Bisogna cambiare! Questo regolamento fissa obiettivi vincolanti e ambiziosi sulle emissioni e sul risparmio di carburante delle auto e dei furgoni. Dice basta con i test in laboratorio che non riflettono le emissioni reali e chiede dei dati in condizioni reali di guida.

Ora lavoriamo insieme, tutti, per incoraggiare gli investimenti pubblici e privati necessari per la riconversione del settore automobilistico europeo, che dipende ancora per il 94% dal petrolio. Ora accompagniamo e sosteniamo i lavoratori nella riqualificazione e nell'aggiornamento delle loro competenze.

Bisogna cambiare e questo regolamento rappresenta un passo nella giusta direzione per un diverso stile di vita, più rispettoso delle persone e dell'ambiente.

 
Ultimo aggiornamento: 26 giugno 2019Avviso legale