Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 27 marzo 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Riduzione dell'incidenza di determinati prodotti di plastica sull'ambiente (discussione)
MPphoto
 

  Renata Briano, relatrice PECH. – Signor Presidente, onorevoli colleghi, signor Commissario, signor Vicecommissario, la plastica ha un impatto negativo sulle risorse biologiche marine e sugli ambienti che le ospitano, perché danneggia anche le attività di pesca e porta un rischio per la salute umana, visto che questi rifiuti, frammentandosi, finiscono di nuovo nella catena alimentare e quindi anche sulle nostre tavole.

Una recente relazione di The Ocean Cleanup ha messo in evidenza che l'isola di plastica nel Pacifico, e purtroppo non è l'unica, sta diventando sempre più grande, coprendo con 80 000 tonnellate un'area pari a tre volte la Francia. Eppure, c'è ancora chi nega l'evidenza.

Ritengo che i pescatori debbano avere un ruolo fondamentale nell'affrontare il problema della plastica, sia come prevenzione sia come potenziali guardiani del mare, così come dimostrano numerose iniziative anche della Commissione del Fishing for Litter.

Concludo con le parole di Greta, che dice "abbiamo bisogno di una speranza, ma più ancora della speranza ci serve l'azione. Quando inizieremo ad agire troveremo ovunque motivi per sperare". È dall'azione immediata quindi che dobbiamo partire, perché non c'è più molto tempo.

 
Ultimo aggiornamento: 28 giugno 2019Avviso legale