Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 28 marzo 2019 - Strasburgo Edizione rivista

"Erasmus", il programma dell'Unione per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (discussione)
MPphoto
 

  Silvia Costa (S&D). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, dopo più di trent'anni, Erasmus si conferma il più grande successo dell'Unione europea, l'esperienza più significativa di cittadinanza europea praticata, non solo per le nuove generazioni, ma anche per l'educazione degli adulti, per lo sport e l'associazionismo giovanile. Per questo vogliamo che il nuovo Erasmus+ cresca, triplicando le risorse e diventando più accessibile, ma vogliamo anche che diventi sempre più il pilastro del nuovo spazio europeo dell'educazione, che dovrebbe partire dal 2025, con il riconoscimento automatico e reciproco dei diplomi, dei periodi di studio all'estero e delle competenze formali e informali.

Le proposte del Parlamento rendono Erasmus+ più accessibile ai soggetti svantaggiati, compresi quelli di background migratorio, e prevedono la mobilità degli studenti delle scuole superiori e dei docenti della scuola e della formazione professionale, ma anche dell'associazionismo giovanile. Vogliamo che si moltiplichino i partenariati fra le università, anche con le istituzioni culturali, e che si offrano master congiunti, anche attraverso la nuova rete delle università europee e dei centri di eccellenza. Poniamo le basi di un vero statuto dello studente, con la eCard degli studenti, una mia proposta che è stata finalmente inserita nel programma e che partirà dal 2021.

Permettetemi di dire solo un'ultima parola, in conclusione, ricordando in quest'Aula le tredici studentesse Erasmus che, nel marzo di tre anni fa, hanno perso la vita in un tremendo incidente in Spagna: ecco, penso che noi dobbiamo assumerci tutti una grande responsabilità e impegnarci per garantire che i ragazzi e le ragazze che svolgono questa importante esperienza lo facciano in condizioni di sicurezza e di qualità dei servizi prestati.

 
Ultimo aggiornamento: 8 luglio 2019Avviso legale