Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 28 marzo 2019 - Strasburgo Edizione rivista

"Erasmus", il programma dell'Unione per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (discussione)
MPphoto
 

  Mercedes Bresso (S&D). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, l'Erasmus+ sarà uno strumento essenziale per migliorare la qualità dell'istruzione e della formazione professionale in tutta l'Unione, attraverso esperienze di mobilità e di conoscenza delle buone pratiche.

L'inclusione dell'istruzione e della formazione professionale nel programma permetterà che esso raggiunga un'eterogeneità di cittadini e di giovani, favorendo le pari opportunità e l'inclusione sociale per tutti i giovani, compresi quelli con minori opportunità.

In linea con il pilastro europeo dei diritti sociali, il nuovo programma Erasmus+ insiste anche positivamente sul ruolo fondamentale che l'istruzione svolge nella lotta contro la povertà, promuovendo un'istruzione inclusiva, equa e di qualità e ponendo l'accento chiaramente sull'obiettivo di potenziare la capacità di raggiungere anche le persone con minori opportunità, come quelle provenienti da gruppi socialmente svantaggiati.

Per questo ritengo che il Fondo sociale europeo, da sempre il fondo di sostegno a favore delle persone svantaggiate, potrà fungere da complemento ai programmi di mobilità dell'Erasmus tramite la condivisione degli obiettivi comuni.

 
Ultimo aggiornamento: 8 luglio 2019Avviso legale