Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 3 aprile 2019 - Bruxelles Edizione rivista

Dichiarazioni della Presidenza
MPphoto
 

  Daniele Viotti (S&D). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, oggi è una giornata triste per tutto il mondo. Come lei saprà e come sapranno i colleghi, nel Brunei è stata reintrodotta la pena di morte per lapidazione per gli omosessuali e per gli appartenenti a religioni diverse dalla religione mussulmana. Io credo che questo Parlamento debba impegnarsi – lei lo farà sicuramente e lo farà la nostra Vicepresidente Mogherini – ma questo Parlamento deve assolutamente dire una parola contro questo.

Lei sa che da anni nel Brunei non si può celebrare il Natale, e quindi le tradizioni cristiane non possono essere rispettate. Prima degli accordi commerciali, prima degli accordi finanziari con il Brunei, con l'Arabia Saudita, con la Turchia, con la Russia, con la Cecenia, vengono i diritti umani. L'Europa deve essere faro nel mondo dei diritti umani. La prego di dire una parola su questo, Presidente.

(Applausi)

 
Ultimo aggiornamento: 26 giugno 2019Avviso legale