Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 3 aprile 2019 - Bruxelles Edizione rivista

Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (discussione)
MPphoto
 

  Michela Giuffrida (S&D). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, la pesca, al di là di tutte le nostre buone intenzioni, è purtroppo uno degli argomenti che più spesso vedono l'Unione europea sul banco degli imputati. Certo, molte volte a torto, ma spesso anche a ragione, se ci mettiamo nei panni dei nostri pescatori.

La poderosa relazione del collega Mato bene affronta le molteplicità del settore, ma molto bisogna ancora fare, e soprattutto sul fronte del Mediterraneo, della piccola pesca, della semplificazione di norme che sono complesse e che sempre più spesso si trasformano in muri insormontabili per chi vive di pesca. Una problematica che, assieme a quella della sostenibilità, deve vederci impegnati al massimo è quella dell'accesso al credito, requisito indispensabile per chi deve adeguarsi a standard che per molti dei nostri pescatori sono inarrivabili.

Su questo fronte il sostegno finanziario dell'Unione europea deve essere intensificato, altrimenti favoriremo solo i cartelli, cancelleremo la pesca artigianale e accresceremo il senso di ostilità che più che mai in questo tempo c'è nei confronti dell'Unione.

 
Ultimo aggiornamento: 26 giugno 2019Avviso legale