Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Lunedì 15 aprile 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell'Unione (discussione)
MPphoto
 

  Elly Schlein (S&D). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, grazie alla relatrice Virginie Rozière.

Non è senza emozione che mi rivolgo a quest'Aula per l'ultima volta, tanto più se è per chiudere un cerchio con l'approvazione di questa direttiva fondamentale per cui anche con il nostro intergruppo ITCO ci siamo battuti sin dall'inizio del mandato.

Chiedevamo di fissare standard minimi di tutela per i whistleblower in tutta Europa, con canali affidabili e protezione dovuta a chi parla e svela degli scandali, come è successo nel caso di LuxLeaks e dei Panama Paper. Meritano piena protezione e non ritorsioni o addirittura condanne, perché proteggono l’interesse pubblico, e domani spero che quest'Aula dia un segnale di compattezza e di forza.

Sono entrata cinque anni fa da orgogliosa federalista europea, me ne vado ancora più convinta del perché la nostra Unione sia così necessaria a dare risposte al giusto livello alle sfide su cui ci giochiamo il futuro. E la cosa più bella che mi lasciano questi cinque anni è aver scoperto come, con tante colleghe e colleghi, condividiamo gli stessi valori, le stesse battaglie e sono le stesse difficoltà dei cittadini europei a cui cerchiamo insieme di dare risposte concrete. Grazie davvero della collaborazione di questi anni. Buon lavoro a tutti.

 
Ultimo aggiornamento: 8 luglio 2019Avviso legale