Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 16 aprile 2019 - Strasburgo Edizione provvisoria

Istituzione di Orizzonte Europa - definizione delle norme di partecipazione e diffusione - Programma di attuazione di Orizzonte Europa (discussione)
MPphoto
 

  Rosa D'Amato, a nome del gruppo EFDD. – Signor Presidente, onorevoli colleghi, da relatrice ombra di entrambi i file legislativi sono soddisfatta, perché abbiamo riportato un giusto equilibrio fra le attività di ricerca e innovazione, perché abbiamo spinto per una particolare attenzione sul cambiamento climatico, abbiamo sostenuto la trasversalità e l'inclusione delle scienze sociali e umanistiche in tutte le attività del programma e, inoltre, abbiamo garantito un adeguato supporto non solo all'università e ai centri di ricerca, alle startup, ma anche alle micro, piccole e medie imprese attraverso uno strumento per le piccole e medie imprese, appunto.

Siamo però delusi per non avere permesso l'accesso libero ai dati che è ancora fortemente limitato dalla difesa di interessi commerciali privati e siamo scontenti della rilevanza marginale attribuita alla ricerca incrementale. Per quanto riguarda la struttura della decisione, le aree di intervento individuate nel pilastro sfide globali e competitività industriale europea permettono di agire sulla salute, sulla cultura, sulla sicurezza, inclusi i disastri naturali, ma anche sull'industria, sul clima, l’energia e la mobilità, sui prodotti alimentari, sulle risorse naturali, sull'agricoltura e sull'ambiente in modo da poter migliorare il benessere dei cittadini europei.

Il lavoro su Orizzonte Europa dovrà essere concluso nella prossima legislatura, ma quanto fatto finora raccoglie gli elementi fondamentali per il sostegno ai cardini necessari a costruire e migliorare il nostro futuro, ossia la ricerca e l'innovazione.

 
Ultimo aggiornamento: 9 luglio 2019Avviso legale