Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 16 aprile 2019 - Strasburgo Edizione provvisoria

Vigilanza del mercato e conformità dei prodotti (discussione)
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati (S&D). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, signora Commissario, ha sentito elencare da parte del relatore le percentuali che riguardano i prodotti ancora non sicuri. Sono impressionanti, preoccupano. Pensi al 32% dei giocattoli, riguardano i bambini, prevalentemente, e il 40% dei dispositivi di protezione del personale, sono quelli che riguardano il nostro corpo.

Di fronte a una situazione di questa natura, con la crescita del commercio elettronico è inevitabile che ci siano maggiori rischi ed è altrettanto necessario che si facciano i passi in avanti che abbiamo provato a mettere insieme, con un risultato importante e positivo come quello che stiamo discutendo.

Ora, è anche importante la definizione di un operatore economico che garantisca la conformità di tutti i prodotti. Cose dunque positive e mi resta però il rammarico che potevamo arrivarci prima. Nella precedente legislatura, il Parlamento aveva votato un testo molto ambizioso che riguardava la sicurezza dei prodotti e che era stato bloccato in Consiglio per la contrarietà contro l'introduzione delle regole relative al “made in”.

Peccato, potevamo arrivare a questo punto con largo anticipo. In ogni caso, guardiamo quel che è stato e adesso toccherà alla Commissione futura rendere attuabile in tutti i paesi quello che positivamente stiamo discutendo e approvando, immagino, nella giornata di domani.

 
Ultimo aggiornamento: 9 luglio 2019Avviso legale