Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 17 aprile 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Codice dei visti (discussione)
MPphoto
 

  Isabella De Monte, Relatore per parere della Commissione per i trasporti e il turismo. – Signor Presidente, onorevoli colleghi, grazie al Commissario per le Sue parole che ricambio a Lei e a tutti i suoi collaboratori e a tutto il suo staff.

Riguardo all'oggetto di oggi, esprimo la mia soddisfazione per gli sviluppi che ha fatto questa rifusione del Codice dei visti per facilitare la mobilità, come ad esempio la possibilità di presentare domande fino a sei mesi prima di un soggiorno previsto; le opzioni per tariffe ridotte per i giovani; la facilitazione per i visti di ingresso multipli per i viaggiatori frequenti e il riconoscimento specifico di professionisti della cultura e gli atleti.

È spiacevole che non si sia colta l'occasione per affrontare l'obsoleta restrizione normativa che impedisce ai viaggiatori legittimi di rimanere più a lungo nello spazio Schengen senza superare le soglie legali nei singoli Stati membri. Il Parlamento europeo ha dimostrato, due volte, il sostegno a questi soggiorni più lunghi e gli attuali 90 giorni con una limitazione di 180 giorni sono stati concepiti quando l'area di Schengen era più piccola.

 
Ultimo aggiornamento: 9 luglio 2019Avviso legale