Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 18 aprile 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Sistema di interfaccia unica marittima europea (discussione)
MPphoto
 

  Nicola Caputo (S&D). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, attualmente gli operatori dei trasporti marittimi devono soddisfare troppi requisiti e fare diverse dichiarazioni ogni volta che una nave fa scalo in un porto. Il problema principale è rappresentato dalla mancanza di armonizzazione dei requisiti di dichiarazione nei vari settori e nei vari Stati e purtroppo ciò comporta notevoli costi aggiuntivi per l'industria.

Secondo le stime della Commissione, attualmente il personale del settore dei trasporti marittimi dedica ogni anno in totale circa 4,6 milioni di ore alle attività di dichiarazione, è troppo. Un'interfaccia di dichiarazione unica per le navi permetterà di ridurre sensibilmente questi oneri amministrativi, contribuendo ad agevolare ulteriormente il commercio, la digitalizzazione e a modernizzare la mobilità marittima.

Con questo regolamento si creano le condizioni per l'applicazione del principio una tantum affinché le navi possano fare in un unico porto una sola dichiarazione e riutilizzare quelle informazioni per i successivi scali nei porti dell'Unione europea.

 
Ultimo aggiornamento: 8 luglio 2019Avviso legale