Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 18 aprile 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Informativa in materia di investimenti sostenibili e rischi per la sostenibilità (discussione)
MPphoto
 

  Nicola Caputo (S&D). – Signor presidente, onorevoli colleghi, è questo il mio ultimo intervento in questa legislatura e sono contento di trattare questo tema che si interfaccia con la sostenibilità ambientale a cui ho lavorato tanto in questi anni.

L'accordo di Parigi costituisce una formidabile opportunità di investimento che non possiamo permetterci di sprecare. La green economy rappresenta l'unica strategia possibile per la creazione di milioni di posti di lavoro. Il regolamento ci assicurerà che il sistema finanziario operi in questa direzione, rafforzando e migliorando la comunicazione delle informazioni che gli emittenti di prodotti finanziari e i consulenti finanziari devono fornire agli investitori finali. I partecipanti ai mercati finanziari e i consulenti finanziari, infatti, avranno l'obbligo di integrare nei rispettivi processi i rischi e le opportunità ambientali, sociali e di governance nell'ambito del loro dovere di agire nel migliore interesse dei clienti.

Le nuove norme, insieme all'agenda per la neutralità in termini di emissioni di carbonio e all'agenda UE per lo sviluppo sostenibile, collegano la finanza alle esigenze dell'economia reale, aiutando a realizzare gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite del 2012 e i traguardi fissati dall'accordo di Parigi.

Ciao a tutti e arrivederci a luglio.

 
Ultimo aggiornamento: 8 luglio 2019Avviso legale