Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 18 aprile 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Brunei
MPphoto
 

  Ignazio Corrao, autore. – Signor Presidente, onorevoli colleghi, Alto rappresentante Mogherini, io prima di tutto vorrei dire che questo credo sia l'ultimo punto all'ordine del giorno dell'intera legislatura, quindi ringrazio tutti i colleghi qui presenti per il lavoro che abbiamo fatto in questi anni sul tema dei diritti umani, ricordando quanto è importante metterli sempre al centro delle negoziazioni commerciali con il resto del mondo.

Chiudiamo con il Brunei che penso che sia uno dei casi più eclatanti. Un sultanato in cui il sultano può avere cinque mogli e può chiamare delle escort, secondo quello che si apprende dai giornali, però viene prevista la pena di morte per lapidazione per rapporti adulteri o viene prevista l'amputazione delle mani nel caso in cui si rubi.

Io sono felice del fatto che abbiamo sospeso le negoziazioni con questo paese in cui le violazioni sono palesi e, fin quando non verranno rispettati i diritti umani, speriamo di non riprenderle. Detto questo, speriamo che nella prossima legislatura il tema dei diritti umani possa essere ancora più incisivo e possiamo raggiungere risultati ancora migliori rispetto a quelli raggiunti in questa legislatura.

 
Ultimo aggiornamento: 8 luglio 2019Avviso legale