Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 17 luglio 2019 - Strasburgo Edizione provvisoria

Zona di aria pulita nelle città dell'UE (discussione)
MPphoto
 

  Eleonora Evi (NI). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, io sono felice che in questa seconda tornata di Strasburgo si parli di un tema così importante, perché l'emergenza dell'inquinamento atmosferico è stata oggetto di quest'Aula, più e più volte, anche nello scorso mandato. Abbiamo lavorato su un'importante risoluzione che detta un po' la linea da seguire.

Io mi auguro che la Commissione europea faccia sue le indicazioni di questo Parlamento nella scorsa legislatura, ed è vero, molti dei regolamenti sono stati adottati, penso appunto a quello sulla promozione dei veicoli puliti, già citato, penso alla riduzione di CO2 per le auto ed i furgoni e anche per i veicoli pesanti.

Ma c'è da fare molto, molto di più, perché nel mio paese, in Italia, sono 219 le morti premature, ogni giorno, a causa dell'inquinamento atmosferico, novantamila all'anno, e gli studi scientifici che oggi ci dicono come l'inquinamento atmosferico influisce negativamente sullo sviluppo cognitivo dei bambini è qualcosa di gravissimo, che dovrebbe allarmare tutti quanti noi, e quindi maggiore ambizione e maggiore determinazione nell'introdurre misure serie per il contrasto all'inquinamento atmosferico.

Io sono invece d'accordo che i divieti di alcuni mezzi inquinanti, più inquinanti come quelli citati, i veicoli diesel – e oggi sono oltre 40 milioni quelli che ancora circolano nelle nostre strade che non rispettano le regole – sono da bandire e mi aspetto maggiore ambizione da parte della Commissione europea per un richiamo coordinato in tutti i paesi che ancora stentano a fare questo. Quindi, maggiore ambizione da parte della Commissione europea.

 
Ultimo aggiornamento: 18 luglio 2019Avviso legale