Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 17 settembre 2019 - Strasburgo Edizione provvisoria

Interferenze elettorali straniere e disinformazione nei processi democratici nazionali ed europei (discussione)
MPphoto
 

  Carlo Calenda (S&D). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, la democrazia liberale è sotto attacco e rimarrà sotto attacco per i prossimi dieci anni.

È sotto attacco dall'interno, da parte di partiti come la Lega e il Movimento 5 Stelle in Italia che la vogliono demolire, e a questo attacco si risponde con le elezioni, perché la democrazia si difende con la democrazia.

Ma è anche sotto attacco dall'estero, e questo attacco dall'estero si salda con i partiti che la attaccano dall'interno e, in questo caso, non può bastare la democrazia a difendere la democrazia, serve una commissione speciale per appurare in che modo ci siano state interferenze pesantissime da parte di quei partiti che pretendono di difendere l'interesse nazionale ma vendono l'interesse nazionale a paesi esteri. Questo non è tollerabile e l'Europa deve sapersi difendere!

La democrazia è rispettosa, la democrazia è aperta, ma la democrazia non è debole. La democrazia è forte e sa rispondere. Concludo dicendo che gli interventi dall'altra parte dell'emiciclo sembrano molto quel detto latino "excusatio non petita, accusatio manifesta".

 
Ultimo aggiornamento: 30 settembre 2019Avviso legale