Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 17 settembre 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Incendi boschivi in Amazzonia (discussione)
MPphoto
 

  Patrizia Toia (S&D). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, l'Amazzonia brucia e, se brucia la terra che produce il 20 % dell'ossigeno che respiriamo, brucia anche un patrimonio immenso di culture, popoli e biodiversità.

La deforestazione, così come gli incendi, sono certo causati da uomini, da leader che avallano lo sfruttamento delle risorse e delle persone, uno sfruttamento basato su un'idea vecchia e sbagliata di capitalismo, senza sostenibilità che promuova il benessere di tutti.

C'è una frase, un'espressione in lingua indigena che non so ripetere, che parla proprio del "buon vivere". Ecco, buon vivere, cioè un rapporto armonioso tra uomo e creato, e questo buon vivere noi dovremmo farlo nostro, anche nelle politiche da ripensare dell'Unione.

E io mi chiedo, perché non dobbiamo avere il coraggio di rivedere anche l'accordo del Mercosur per metterci criteri più stringenti di sostenibilità ambientale? E perché non abbiamo il coraggio di dire che non si può fare gli ambientalisti, come dice qualcuno, con le foreste degli altri, di paesi che vogliono avere una via di sviluppo?

È un problema anche nostro e penso che l'Europa dovrebbe contribuire a un piano per la riforestazione.

 
Ultimo aggiornamento: 20 novembre 2019Avviso legale