Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 18 settembre 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Lotta contro il cancro (discussione di attualità)
MPphoto
 

  Annalisa Tardino (ID). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, il cancro rappresenta la prima causa di morte in un numero crescente di paesi europei e solo per il tumore al seno in Italia si registrano oltre 48 mila nuovi casi ogni anno. Nonostante i notevoli progressi raggiunti grazie alla ricerca, ancora oggi la prevenzione è veramente l'unica arma efficace di cui disponiamo per sconfiggere il cancro.

Abbiamo appreso i programmi della Presidente von der Leyen e adesso aspettiamo i fatti. L'Europa deve continuare a promuovere lo sviluppo della collaborazione tra reti specializzate e di eccellenza per migliorare la qualità della diagnosi, i servizi di cura e facilitare la cooperazione multidisciplinare. Ma soprattutto bisogna intensificare il coordinamento tra gli Stati membri, perché sono ancora troppe le differenze per l'accesso agli screening e alle cure, sia tra i diversi Stati nonché talvolta tra regione e regione di un singolo paese.

Bisogna inoltre intervenire sulle cause che originano la malattia: in Sicilia, nei poli industriali di Gela, Milazzo e Priolo, i dati scientifici sono infatti ben oltre il livello d'allarme e sono soglie che non possiamo più accettare.

Dobbiamo poi investire nella formazione degli operatori sanitari e realizzare in ogni presidio urbano un centro non solo per la prevenzione e l'informazione ma anche per il sostegno psicologico di chi è stato colpito dal male. Accanto alla ricerca, infatti, il ruolo centrale deve essere giocato dall'umanizzazione delle cure.

 
Ultimo aggiornamento: 8 novembre 2019Avviso legale