Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 9 ottobre 2019 - Bruxelles Edizione provvisoria

Dazi imposti dagli Stati Uniti sui prodotti europei in seguito alla decisione dell'OMC sul caso Airbus (discussione)
MPphoto
 

  Marco Campomenosi (ID). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, compensazioni e periodi di transizione sono tutte soluzioni che però non vanno al centro del problema. Se siamo qui questa sera è perché la Commissione europea ha perso al WTO. Siamo qui questa sera perché era previsto, si sapeva, da due anni attendevamo questa sentenza. La Commissione europea non è stata in grado di negoziare e di transare prima con la controparte americana.

Parliamo di un tema, Airbus, per cui ci sono Francia, Germania, Gran Bretagna e Spagna. Non si capisce perché l'Italia debba pagare come gli altri e per certi settori anche più degli altri. L'Italia non centra, l'Italia non prende soldi da Airbus, l'Italia non mette soldi in Airbus. Ma abbiamo già capito che né la Malmström, che oggi non è qui, né il suo successore Hogan hanno voglia di occuparsi di questo tema.

Sarebbe stupido non pensare al fatto che se le nostre aziende devono esporsi così sui mercati dei paesi terzi, esponendosi quindi a shock di sistema esterni che non sono condizionati da noi, lo dobbiamo anche al fallimento del mercato interno dell'Unione europea. Quindi, si facciano politiche per far sì che anche all'interno dell'Unione europea vi sia consumo dei nostri prodotti e che le nostre aziende non debbano lavorare solo sui mercati dei paesi terzi.

Questa Commissione europea non riesce a far sì, per diverse ragioni, che i nostri prodotti vadano in Russia, negli Stati Uniti, in Cina. Provi ad aprire un negoziato di libero scambio con Marte e forse saranno un po' più fortunati.

 
Ultimo aggiornamento: 7 novembre 2019Avviso legale