Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Lunedì 21 ottobre 2019 - Strasburgo Edizione provvisoria

Interventi di un minuto su questioni di rilevanza politica
MPphoto
 

  Isabella Tovaglieri (ID). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, lo scorso 12 ottobre la leader del partito per il futuro della Siria Hevrin Kalaf, trentacinque anni, è stata trucidata in un agguato e il suo corpo è stato offeso dai suoi vigliacchi assassini, che ne hanno diffuso le immagini in tutto il mondo come monito per tutte le donne che non intendono abbassare gli occhi.

Hevrin Kalaf era laureata in ingegneria civile e ha dedicato tutta la sua breve vita a rivendicare i diritti femminili, ma soprattutto a lavorare per la convivenza pacifica tra curdi, cristiano-siriaci e arabi, evidentemente troppi meriti per una donna. Le sue armi, che sono il dialogo e il coraggio hanno infastidito le forze criminali che, in Siria, vogliono restaurare uno stato islamico fanatico ed assassino.

L'Europa non può rimanere spettatrice di questo orrore, è necessario bloccare subito ogni finanziamento ad Ankara e bloccare ogni ipotesi di ingresso della Turchia nell'Unione europea. Fermiamo il genocidio del popolo curdo e l'annientamento dell'unico esercito che ha combattuto il terrorismo islamico, corpo a corpo. Un esercito in cui militano molte donne come Hevrin che, con i loro uomini, sono state finora e, non dimentichiamolo, l'unico baluardo contro il rientro di terroristi islamici in Europa.

 
Ultimo aggiornamento: 4 dicembre 2019Avviso legale