Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 23 ottobre 2019 - Strasburgo Edizione provvisoria

Emergenza climatica ed ecologica (discussione di attualità)
MPphoto
 
 

  Laura Ferrara (NI), per iscritto. – Le manifestazioni legate alle questioni climatiche ed ambientali, avvenute in diversi paesi del mondo, dimostrano la crescente importanza di questo tema per le persone ed i giovani in particolare. La tutela dell'ambiente, inteso in ogni sua forma, come bene comune universale, unico e fondamentale per la vita e la salute, come luogo primario in cui si sviluppa l'esistenza delle generazioni presenti e future, è un obiettivo da perseguire ad ogni livello per impedire che vengano compromessi gli equilibri tra ecosistemi, biodiversità, benessere umano e degli esseri viventi. Bisogna agire ora, spingendo i governi e la comunità internazionale a varare regole riconosciute da tutti come necessarie per cambiare i nostri stili di vita, affinché siano più responsabili ed ecosostenibili. Abbiamo bisogno di un'economia circolare, di incentivare le fonti rinnovabili, rigenerare le nostre città, puntare sulle bonifiche, adottare tutte quelle azioni dirette a ridurre emissioni inquinanti e sprechi energetici, compiendo una transizione completa verso le energie pulite. Costruire un'economia e una società che facciano dell'ambiente e dell'innovazione la chiave di volta su cui costruire nuove opportunità di benessere e occupazione, sarà la cosa migliore che potremo fare per il nostro pianeta, per noi stessi e per le generazioni che verranno.

 
Ultimo aggiornamento: 18 novembre 2019Avviso legale