Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 23 ottobre 2019 - Strasburgo Edizione provvisoria

Apertura dei negoziati di adesione con la Macedonia del Nord e l'Albania (seguito della discussione)
MPphoto
 

  Brando Benifei (S&D). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, sono convinto che lo stop ai negoziati, realizzato dal Consiglio europeo nei confronti di Albania e Macedonia del Nord sia stato un grave errore.

Oggi vediamo questi paesi lavorare seriamente per l'ingresso nell'Unione, come dimostrano l'accordo di Prespa del 2018 tra Grecia e Nord Macedonia e le riforme fatte dall'Albania negli scorsi anni per allinearsi ai requisiti richiesti dall'Unione.

La riapertura dei negoziati è un passo importante per aprire una nuova fase. I passi avanti fatti negli ultimi anni vanno presi sul serio, anche per non deludere le speranze di quei giovani e di quei cittadini che guardano con fiducia a questi negoziati, inclusi tanti cittadini provenienti da questi paesi che risiedono con le loro famiglie anche nel mio paese, l'Italia.

Serve sicuramente riformare l'Unione che oggi non funziona bene. Dobbiamo farlo, lo faremo, spero in questi anni. C'è bisogno davvero di cambiare il funzionamento delle istituzioni, ma questo non può essere una giustificazione per bloccare tutto. Impegniamoci per rendere l'Unione europea più forte, continuando ad unire i popoli del nostro continente.

 
Ultimo aggiornamento: 18 novembre 2019Avviso legale