Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 14 novembre 2019 - Bruxelles Edizione rivista

Situazione dei migranti in Bosnia, in particolare a Bihać (discussione)
MPphoto
 

  Pierfrancesco Majorino (S&D). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, io credo che dobbiamo smetterla di non vedere.

Siamo infatti di fronte a una vera e propria emergenza umanitaria. Nel campo di Vučjak, a poca distanza dal confine tra Bosnia e Croazia, vivono oggi centinaia di profughi. Anzi, dobbiamo essere onesti e dire che "sopravvivono" centinaia di profughi, spesso in assenza di cibo, acqua, servizi igienici, tutele sanitarie e sicurezza. Siamo di fronte a condizioni terrificanti che si verificano in un'area del nostro continente.

E questa è anche una delle conseguenze delle scelte sciagurate di troppi Stati, e anche degli Stati europei e della comunità internazionale in materia di immigrazione perché preferiamo non condividere una strategia comune. Preferiamo coltivare il demone della paura verso il migrante.

Il risultato è sotto i nostri occhi e dobbiamo agire subito lì, mettendo fine all'emergenza umanitaria e riproponendo il tema strategico di una politica comune in materia di immigrazione.

 
Ultimo aggiornamento: 13 gennaio 2020Avviso legale