Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 26 novembre 2019 - Strasburgo Edizione provvisoria

Preparazione della riunione del Consiglio europeo del 12 e 13 dicembre 2019 (discussione)
MPphoto
 

  Brando Benifei (S&D). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, l'agenda dell'imminente Consiglio europeo richiede di fare passi avanti in maniera concreta su due punti chiave: il quadro finanziario pluriennale e la lotta ai cambiamenti climatici, temi evidentemente collegati.

È necessario che l'Unione abbia una road map ambiziosa per affrontare l'emergenza climatica, come abbiamo sentito dal nostro Commissario Timmermans, ma per realizzarla sarà necessario stanziare risorse adeguate, senza indugi, in modo da raggiungere velocemente la neutralità climatica con investimenti che permettano una transizione equa, per creare nuovi posti di lavoro, per mettere in sicurezza idrogeologica i nostri paesi.

Il green new deal, che la nuova Commissione si impegna a presentare, deve essere in grado di fare esattamente tutto questo ma, come ho detto, servono risorse. Il Parlamento per questo dovrà essere chiaro, dovrà essere inflessibile nel negoziare con gli Stati membri un bilancio ambizioso, in grado di dare risposte a queste necessità.

Inoltre voglio ricordare che già oggi noi viviamo una situazione di grande incertezza rispetto a fenomeni metereologici estremi, sempre più frequenti, con conseguenze spesso disastrose. La situazione è spesso drammatica e faccio un appello ai capi di Stato e di governo, che si riuniscono a breve, affinché elaborino con urgenza un piano strategico straordinario a livello europeo per affrontare questa crisi. Pensate a cosa è successo a Venezia, se ne parlerà ancora qua in Parlamento. Guardate anche oggi alla mia regione, la Liguria, e a Genova, già in ginocchio e più volte travolta dal fango, sempre più isolata.

Il nostro governo per fortuna sta reagendo con prontezza e con determinazione, ma serve un impegno europeo collettivo, perché questi fenomeni e queste situazioni riguardano sempre più cittadini europei e la loro vita, la loro sicurezza e la loro possibilità di vivere bene devono essere garantite attraverso un impegno comune con l'ambizione adeguata.

 
Ultimo aggiornamento: 9 dicembre 2019Avviso legale