Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 26 novembre 2019 - Strasburgo Edizione provvisoria

Risposta dell'UE ai fenomeni meteorologici estremi e alle loro conseguenze: come proteggere le aree urbane europee e il loro patrimonio culturale (discussione)
MPphoto
 

  Annalisa Tardino (ID). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, abbiamo tutti visto le immagini drammatiche dell'Italia, sommersa da nord a sud, da Licata a Matera a Venezia, con pronte reazioni da parte dei volontari e della Protezione civile. Oggi siamo qui a Strasburgo per chiedere il sostegno concreto dell'Unione europea, come fatto già con un'interrogazione scritta della Lega attraverso la richiesta di una rapida mobilitazione del Fondo di solidarietà dell'Unione europea e sbloccando tutti gli aiuti economici che è possibile erogare.

È necessario, inoltre, che i territori colpiti possano godere dell'eccezione al disimpegno automatico delle risorse a valere sui fondi dell'UE e che all'Italia venga riconosciuta la giusta flessibilità per i soldi spesi per danni causati da calamità naturali, soprattutto per i territori con maggiore deficienze.

Un'Europa che protegge i cittadini deve essere presente nei momenti di necessità e deve essere in grado di dare risposte concrete ai problemi reali, quelle che i cittadini si aspettano, un aiuto immediato per ricominciare a costruire guardando al futuro.

 
Ultimo aggiornamento: 9 dicembre 2019Avviso legale