Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 27 novembre 2019 - Strasburgo Edizione provvisoria

Ingerenza di altri paesi nelle nostre democrazie e nelle nostre elezioni (discussione di attualità)
MPphoto
 

  Brando Benifei (S&D). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, continuano a ripetersi con preoccupante frequenza gravissimi episodi di ingerenza negli affari domestici nei nostri paesi.

La lista è lunga: da Cambridge Analytica a Leave.EU, i prestiti presso banche estere del 2016 al Front National, le accuse di finanziamento illecito verso il Partito della libertà austriaco, le indagini giornalistiche e giudiziarie nei confronti della Lega, in occasione della campagna per le elezioni europee. La notizia più recente riguarda la decisione del premier Boris Johnson di bloccare la pubblicazione di un report contenente i risultati di 18 mesi di indagine su possibili interferenze russe nel Regno Unito.

Abbiamo il dovere di difendere l'Unione europea e i nostri cittadini da questi attacchi, che rappresentano una forma di guerra ibrida volta a destabilizzare la nostra democrazia. Serve una commissione speciale del Parlamento europeo per far luce su questi fatti, una volta per tutte.

Quest'Aula ha già approvato lo scorso 10 ottobre, a larghissima maggioranza, una risoluzione molto netta, che dice chiaramente che abbiamo bisogno di nuovi strumenti. Chi ha votato contro? La Lega di Salvini, il Brexit Party di Farage, il Rassemblement National di Marine le Pen. Che strano, proprio loro!

 
Ultimo aggiornamento: 20 dicembre 2019Avviso legale