Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 27 novembre 2019 - Strasburgo Edizione provvisoria

Ingerenza di altri paesi nelle nostre democrazie e nelle nostre elezioni (discussione di attualità)
MPphoto
 

  Pierfrancesco Majorino (S&D). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, viviamo oggi, è bene ricordarlo, in democrazie solide, mature, che sono evidentemente la base essenziale per costruire pace e rispetto dei diritti e della dignità dei cittadini.

Democrazie solide e mature che potrebbero però riscoprirsi improvvisamente fragili, sotto attacchi spregiudicati di varia natura. Dalle campagne di disinformazione sui social media fino a presunti finanziamenti, diretti e non, abbiamo infatti assistito a ingerenze esterne preoccupanti e pericolose, che potrebbero anche moltiplicarsi e intensificarsi. Ingerenze che sono evidentemente a tutto vantaggio di forze che perseguono un obiettivo semplice: far saltare l'Europa, far saltare la nostra casa comune.

L'Europa deve reagire e ci sono molte zone d'ombra da guardare con sospetto. Pensiamo, ad esempio, al vergognoso comportamento dell'ex ministro dell'Interno italiano, Matteo Salvini, il quale non ha ancora avuto il coraggio politico di intervenire pubblicamente su quell'intreccio estremamente opaco che lo ha legato alla Russia attraverso incontri tutti da chiarire.

 
Ultimo aggiornamento: 27 gennaio 2020Avviso legale