Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 17 dicembre 2019 - Strasburgo Edizione provvisoria

Conflitti di interessi e corruzione che incidono sulla tutela degli interessi finanziari dell'UE negli Stati membri (discussione)
MPphoto
 

  Paolo De Castro (S&D). – Signor Presidente, signor Commissario, onorevoli colleghi, nelle ultime settimane molto si è discusso di situazioni sconcertanti in merito alla concentrazione fondiaria in alcuni Stati membri, ma il malcostume nulla ha a che vedere con la politica agricola comune.

Negli ultimi anni abbiamo fatto sforzi importanti per ridurre le distorsioni che a livello nazionale si possono creare in una politica complessa che si estende su 28 paesi e coinvolge milioni di beneficiari. Ma tanto resta ancora da fare e per questo il Parlamento ha già preso una posizione chiara nella nostra relazione sulla concentrazione dei terreni agricoli dell'Unione. Posizione che purtroppo però non trova riscontro nell'attuale proposta di riforma della PAC. Al contrario un eccesso di flessibilità garantita agli Stati membri accrescerebbe il rischio che certi comportamenti possano essere favoriti ancora di più da scelte nazionali.

Oggi più che mai, caro Commissario, c'è bisogno di un forte ancoraggio a obiettivi e strumenti comuni, capaci di sventare ogni apertura all'individualismo politico che farebbe della PAC un mero contenitore di risorse senza salvaguardare la strategicità sociale, economica e ambientale.

 
Ultimo aggiornamento: 17 febbraio 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy